3. Pianifica in anticipo di entrare ogni giorno conoscendo il tuo menu alimentare.

3. Pianifica in anticipo di entrare ogni giorno conoscendo il tuo menu alimentare.

Sciacquare con poca acqua appena prima di servire. Servire a temperatura ambiente.

ciliegie

Le ciliegie, che fanno il loro ingresso verso la fine di maggio, sono le prime drupacee ad arrivare nei negozi di alimentari e nei mercati. L’alta stagione delle ciliegie dura solo circa un mese, quindi prendile finché puoi. Le ciliegie migliori sono leggermente sode al tatto e di colore rosso scuro, uniforme. Se una ciliegia ha ancora un po’ di rosa, non è matura. Se invece la ciliegia è morbida quando la pizzichi, è troppo matura e sarà sgradevole da mangiare.

carciofi

Mentre i carciofi sono disponibili tutto l’anno, sono al loro massimo sapore e disponibilità (e prezzi più bassi) durante la primavera. Grandi o piccoli che siano, i migliori carciofi sono sodi con le foglie chiuse. Il cuore di carciofo è la parte più gustosa della verdura, quindi scegli i carciofi con un cuore grande: fallo scegliendo carciofi pesanti con gambi grassi. Conservare i carciofi nella parte più fredda del frigorifero (in genere il retro del ripiano più basso). Sono migliori entro un paio di giorni, ma saranno comunque buoni per un paio di settimane.

Avocado

Gli avocado freschi e maturi sono un ottimo spuntino primaverile ricco di nutrienti, un’aggiunta di sandwich o una base di guacamole. Mentre diversi tipi di avocado sono disponibili tutto l’anno, l’avocado fuerte di Spring è l’avocado più disponibile in commercio della California. Gli avocado vengono raccolti maturi, ma in realtà non maturano fino a quando non vengono raccolti. All’inizio della stagione, gli avocado hanno un sapore più leggero e meno olio, mentre a fine stagione possono iniziare ad avere un sapore filamentoso o avere un colore sbiadito. Scegli un avocado con un leggero cedimento quando lo tieni in mano. Un avocado maturo può essere refrigerato per alcuni giorni.

spugnole

A volte indicato come “l’aristocratico della foresta”, le spugnole sono una prelibatezza primaverile assaporata per il loro sapore legnoso. Le migliori spugnole sono sode e abbronzate. Conservateli in un sacchetto di carta marrone in frigorifero per un paio di giorni al massimo una settimana. Come altri funghi, le spugnole sono a basso contenuto calorico, ad alto contenuto di vitamine del gruppo B e alcuni minerali.

Asparago

Ricchi di vitamine, gli asparagi sono un’ottima aggiunta primaverile al menu della cena. Scegli gli asparagi più saporiti scegliendo gambi sodi con teste strette. Le lance sottili sono le migliori al vapore o bollite mentre le lance più grasse che sono più dolci e più carnose sono ottime arrostite. Gli asparagi viola sono particolarmente dolci, mentre gli asparagi bianchi più capricciosi (che richiedono anche la pelatura, un tempo di cottura più lungo e una rapida refrigerazione dopo la raccolta) hanno un leggero sapore di nocciola. Gli asparagi si consumano al meglio entro un paio di giorni dall’acquisto.

Fave

Le fave sono un piacere primaverile sottovalutato. I fagioli esplodono con un sapore burroso e agrodolce. Ma per avere un assaggio, ci vorrà un po’ di sforzo. Le fave arrivano “doppiamente avvolte”. Per mangiarli bisogna prima infilare e sgusciare i fagioli, poi sbollentarli e infine togliere la patina cerosa. I fagioli migliori sono di un verde brillante, sodi e hanno baccelli leggermente sfocati che sono pesanti per le loro dimensioni e mostrano solo un po’ della forma dei fagioli all’interno. Per un gusto migliore, evita i fagioli gialli e irregolari.

Ci sono diverse idee sbagliate sull’allenamento di resistenza giovanile. Per anni si è creduto che i bambini fossero troppo piccoli per l’allenamento della forza perché avrebbe influito sul loro sviluppo muscoloscheletrico, arrestando la loro crescita e causando gravi lesioni. Anche se questo può essere vero per l’allenamento di resistenza estremamente pesante o per lunghi periodi di lavoro con pesi su bambini piccoli, questo non è l’allenamento di resistenza praticato oggi da allenatori e insegnanti.

Con i programmi di allenamento di resistenza appropriati e professionisti qualificati che danno istruzioni, l’allenamento di resistenza può essere molto utile sia per i bambini sedentari che per quelli attivi. Può migliorare la densità ossea e la composizione corporea e diminuire la sensibilità all’insulina ed evitare lo sviluppo di osteoporosi, obesità e diabete.

È generalmente sicuro per i bambini che sono pronti per lo sport (in genere intorno ai 7 o 8 anni) utilizzare alcuni pesi liberi leggeri, corde sportive, palle mediche ed esercizi a corpo libero. Non è richiesta un’età minima, ma i bambini dovrebbero essere abbastanza maturi da seguire le istruzioni e comprendere i vantaggi di ciò che stanno facendo.

La maggior parte dei programmi di allenamento di resistenza include movimenti multiarticolari che lavorano su più gruppi muscolari contemporaneamente. In questo modo, non solo è richiesta forza, ma i bambini diventano anche più coordinati e usano una maggiore stabilità del core durante questi esercizi.

Ecco alcune cose fondamentali da ricordare quando i bambini iniziano un programma di allenamento di resistenza:

1. Assicurati che abbiano una buona istruzione e che siano supervisionati da un professionista.

2. Assicurarsi che l’ambiente sia sicuro e non pericoloso.

3. Concentrati sulla tecnica corretta.

4. Esegui da una a tre serie da 15 ripetizioni

5. Allenati due o tre volte alla settimana in giorni non consecutivi.

6. Eseguire esercizi per la parte superiore e inferiore del corpo e la parte centrale per un programma equilibrato.

7. Includere esercizi che richiedono equilibrio e coordinazione.

8. Varia gli esercizi che usi e in quale ordine diversificare il programma.

Ecco una routine di allenamento della forza divertente e interattiva che i bambini possono fare a casa o con gli amici al parco. Non richiede attrezzature, solo il peso corporeo. Ci sono due diversi allenamenti di resistenza, Programma A e B. Alternare questi due programmi in giorni non consecutivi per due o tre giorni alla settimana.

Programma A:

*Nuotatori: sdraiati sullo stomaco e solleva le braccia e le gambe dal pavimento il più in alto possibile. Fai finta di nuotare muovendo le braccia e le gambe su e giù senza lasciarle riposare sul pavimento.

Programma B: 

*Inchworms: inizia in piedi e piegati per portare le mani a terra. Esci in una posizione di flessione. Mantieni la posizione di flessione per tre secondi; porta le mani indietro verso i piedi e fino in piedi. Ripeti di nuovo questa stessa mossa.

* Salti a una gamba: posizionati sulla gamba sinistra e inizia a saltare ripetutamente sul piede sinistro senza toccare il pavimento con l’altro piede. Cambia gamba allo scadere del tempo.

* Side Plank: inizia in una posizione di plank dell’avambraccio e solleva il braccio sinistro verso il cielo mentre il lato sinistro del corpo ruota verso il soffitto. Tieni premuto e ripeti sul lato destro dopo che il tempo è scaduto.

*Heel Walks: da una posizione eretta, solleva le dita dei piedi il più lontano possibile da terra, lasciando che solo i talloni tocchino il suolo. Inizia a camminare in linea o in cerchio mantenendo solo i talloni a terra e le punte dei piedi sollevate da terra.

*Crab Walks: la posizione del granchio è l’opposto dell’essere sulle mani e sulle ginocchia: la parte anteriore del corpo rivolta verso l’alto è rivolta verso il cielo, mentre le mani sono sotto le spalle e i piedi sono sotto le ginocchia piegate a 90 gradi . Solleva i fianchi dal pavimento e anche con le ginocchia e le spalle. Camminata del granchio alternando il piede sinistro da terra e poi il piede destro.

*Crunch in bicicletta: sdraiati sulla schiena con le scapole sollevate dal pavimento e le ginocchia a 90 gradi. Pedala con le gambe come se stessi andando in bicicletta e cerca di tenere le scapole lontane dal pavimento e la parte bassa della schiena premuta saldamente sul pavimento. 

La prevalenza di muscoli posteriori della coscia stretti nella popolazione generale è abbastanza comune. Molto probabilmente, l’alto tasso di persone che soffrono di muscoli posteriori della coscia stretti e inflessibili ha qualcosa a che fare con occupazioni che richiedono di stare seduti per ore alla volta. Sedersi su una tipica sedia da ufficio costringe i muscoli posteriori della coscia a diventare inattivi e li mette in una posizione accorciata. Una seduta ripetitiva e prolungata alla fine porta a muscoli posteriori della coscia che si adattano a una nuova lunghezza accorciata, e il risultato è tensione nella parte posteriore delle gambe insieme a potenziale dolore lombare. È interessante notare che si pensa che il processo di tensione dei muscoli posteriori della coscia inizi già all’età di 6 anni, quando i bambini iniziano la scuola e iniziano a stare seduti per la maggior parte della giornata. Altre possibili cause di muscoli posteriori della coscia stretti includono caratteristiche genetiche, come avere muscoli posteriori della coscia corti e non allungarsi dopo la partecipazione a sport di corsa e salto, che hanno una forte richiesta sui muscoli posteriori della coscia.

Indipendentemente dalla causa della tensione dei muscoli posteriori della coscia, puoi prendere provvedimenti per alleviare il problema. Impegnarsi in un programma di allungamento dei muscoli posteriori della coscia quasi tutti i giorni della settimana (o ogni giorno, se possibile) condurrà lentamente i muscoli tesi a una lunghezza di riposo più lunga. In un periodo da diverse settimane a diversi mesi, a seconda di quanto sei stretto, puoi raggiungere una normale lunghezza di riposo per i muscoli posteriori della coscia, che consentirà loro di svolgere correttamente le loro funzioni di flessione del ginocchio, estensione dell’anca e stabilizzazione del bacino .

La maggior parte delle persone sa che i muscoli posteriori della coscia funzionano per spostare la parte inferiore della gamba verso l’alto e spostare la coscia in una direzione posteriore (o indietro). Tuttavia, i muscoli posteriori della coscia svolgono anche un ruolo importante nella stabilizzazione del bacino quando una persona è in piedi e cammina. Poiché i muscoli posteriori della coscia si attaccano alle ossa del sedere nella parte inferiore del bacino, tirano verso il basso il bacino e creano una “piegatura” pelvica. Pertanto, i muscoli posteriori della coscia forniscono una trazione verso il basso contro altri muscoli in competizione attaccati al bacino che creano una trazione verso l’alto, come i muscoli lombari e i flessori dell’anca. Ricordare la funzione dei muscoli posteriori della coscia di stabilizzare il bacino ti aiuterà a scegliere i migliori allungamenti per questo gruppo muscolare.

Per allungare efficacemente i muscoli posteriori della coscia, o qualsiasi gruppo muscolare, è essenziale eseguire un riscaldamento da cinque a sette minuti di attività leggera come camminare o lavorare su una macchina ellittica. Una volta che i muscoli si sono riscaldati, le migliori posizioni corporee in cui allungare i muscoli posteriori della coscia sono sdraiati o seduti. Il tentativo di allungare i muscoli posteriori della coscia in piedi non consente il completo rilassamento del muscolo perché è coinvolto nel suo ruolo di stabilizzazione del bacino. D’altra parte, una posizione seduta o sdraiata non richiede che i muscoli posteriori della coscia funzionino, quindi un allungamento in queste posizioni è più produttivo.

Due degli allungamenti più efficaci per i muscoli posteriori della coscia sono l’allungamento dei muscoli posteriori della coscia sdraiati e l’allungamento modificato dell’ostacolo. Fare clic sui collegamenti per visualizzare i dettagli della libreria di esercizi ACE, comprese le istruzioni passo passo per l’esecuzione di questi allungamenti, foto, variazioni di esercizi e suggerimenti utili.

Stretching dei muscoli posteriori della coscia supini (sdraiati)

Allungamento modificato dell’ostacolo

Non ci sono voluti Edward Pola e George Wyle per scrivere “It’s the Most Wonderful Time of the Year” nel 1963 per ricordarci che le festività natalizie possono essere un momento eccezionale per migliorare le nostre vite, il nostro benessere e la nostra salute.

Ci saranno feste per l’hosting, Marshmallow per brindare e canti natalizi nella neve. È il momento più meraviglioso. È la stagione più felice.

Per circa il 20% degli americani, tuttavia, la stagione delle vacanze è più impegnativa che meravigliosa. Quando le giornate si accorciano, molte persone rallentano, sono più stanche, hanno più difficoltà ad addormentarsi e a svegliarsi, riferiscono maggiori difficoltà di concentrazione, hanno intense voglie di carboidrati con relativo aumento di peso, lamentano una diminuzione dell’interesse sessuale e si sentono sempre più rattristati. Pur non soddisfacendo del tutto i criteri diagnostici per il Disturbo Affettivo Stagionale (che colpisce circa il 5% della popolazione), questi sintomi, che si verificano comunemente tra ottobre/novembre e marzo/aprile, mettono in dubbio come la stagione possa essere considerata così meravigliosa e felice . C’è meno luce durante questo “periodo meraviglioso” e ciò può causare il crollo dei livelli di serotonina, che può portare ad un aumento delle voglie di cibo. Inoltre, i livelli di vitamina D e melatonina spesso diminuiscono, il che, combinato con un aumento dello stress e un aumento dei livelli di cortisolo, rende la perdita di peso una vera sfida, soprattutto con una ridotta attività. 

Quindi, come puoi cambiare il tuo modo di pensare e abbracciare questa “stagione più felice”, assicurandoti di continuare a condurre uno stile di vita attivo e sano? Tutto inizia e finisce con i tuoi pensieri, specialmente quei pensieri che invitano gli ospiti indesiderati a “stress” e “tensione”.

Ecco cosa fare:

1. Sorprenditi quando inizi a pensare in modo impreciso al periodo dell’anno. Ti stai riempiendo la testa di ciò che non puoi fare a causa del tempo? Senza senso. Cosa ti fa sentire il tempo? Fisicamente, ovviamente, freddo, caldo, ecc. Ma emotivamente, tutto dipende dai tuoi pensieri. I tuoi pensieri sulla stagione determinano cosa ti senti e come ti comporti. Tutto dipende dal tuo pensiero; quindi, “il collegamento è ciò che pensi”.

Ovviamente c’è molto che puoi fare per mantenere la tua attività ed esercitare durante i giorni più freddi a venire invece di credere erroneamente che non puoi. In effetti, tutta quell’aria interna può diventare un po’ malsana, quindi guarda (cioè cambia i tuoi pensieri) l’esterno come un’opportunità per rilasciare quegli ormoni che combattono la depressione facendo una corsa tra le foglie colorate dell’autunno o facendo cardio e forza allenati con una spalatura della neve saggia, sicura e divertente. Puoi anche iniziare a fare le scale invece dell’ascensore, parcheggiare più lontano dal tuo ufficio, unirti a una nuova classe nella tua palestra locale, provare a trovare una piscina riscaldata locale e usare quegli spot televisivi delle vacanze come segnali per fare alcuni salti, tavole , squat e corsa sul posto.

2. Assicurati che il tuo pensiero sia realistico sul modo in cui ti aspetti che le persone ti trattino e su come “dovrebbero” essere le vacanze: no, non perfetto, impeccabile o ideale. Quelle richieste e aspettative ti prepareranno solo al mal di cuore. Le persone non ti tratteranno nel modo in cui vuoi che lo facciano. Ti tratteranno come LORO vogliono trattarti. Perfezione? Non esiste una cosa del genere, quindi smettila di renderti infelice pensando che LORO stanno trascorrendo una vacanza perfetta e che dovresti esserlo anche tu. Non lo sono, anche se potrebbero pensare che tu lo sia.

3. Pianifica in anticipo di entrare ogni giorno conoscendo il tuo menu alimentare. Cosa pensi di mangiare al pranzo in ufficio? E la cena in ufficio? Pianifica in anticipo controllando il menu e attenendosi ad esso. Ho bisogno di aiuto? Chiama un’ancora di salvezza, un amico che ti sostiene. Le voglie vanno e vengono, ma quando sei dotato del tuo piano alimentare in anticipo, è molto più facile affrontare quelle voglie e attenersi al tuo piano. Evita questo pensiero comune: “Se faccio un errore, l’ho sprecato per la giornata, quindi potrei anche continuare a mangiare quello che voglio e tornare in carreggiata domani”. Non lasciare che https://prodottioriginale.com/ un passo falso porti a un altro. Se lo fai, allora non stai sfidando i tuoi pensieri. PENSA: è vero, è utile pensare quel pensiero, è fonte di ispirazione per il tuo impegno in una vita sana, è necessario pensare in quel modo e gentile con te stesso? Hai un mucchio di “no”? È ora di cambiare quel pensiero. 

4. Prima che inizino le vacanze, inizia a pompare la tua forza di volontà vedendo le vacanze come un momento per celebrare la tua salute e il tuo benessere. Questo cambia il quadro generale di cosa sono le vacanze, non è vero? Continua a ricordare a te stesso il tuo obiettivo più grande, una celebrazione della tua salute, quando accetti una cena, un invito a una festa o un pranzo in ufficio. Mentre “loro” stanno buttando giù bibite zuccherate e mais caramellato, sgranocchiando caramelle di Halloween senza pensare, prendendo terzi di dessert che credono erroneamente di “deve” godere, saltando gli allenamenti, ignorando i limiti sull’alcol, cadendo per il mito senza grassi o saltando le colazioni, stai celebrando in silenzio il valore più importante che hai abbracciato: la tua salute.